martedì 23 settembre 2014

Libro della settimana - Cercando Alaska di John Green

Pronti per una nuova recensione? Oggi vi parlo di un libro che ho amato molto, che mi ha fatto ridere e piangere.. insomma John Green ha colpito di nuovo nel segno. 

Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un'esclusiva prep school dell'Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice...



Scrivo questa recensione parecchi giorni dopo aver terminato il libro. A dire la verità mi sono dovuta prendere un po’ di tempo perché non è stata una lettura semplice, e perché la storia mi ha turbato profondamente.

Green, come sempre, riesce a sondare l’animo degli adolescenti come nessun altro prima di lui. Ho iniziato questo libro sorridendo e ho terminato la lettura quasi in lacrime.

Il libro affronta argomenti come amore, amicizia ma soprattutto perdita di qualcuno che si ama. Ed è stato proprio questo a turbarmi, perché quello che i protagonisti vivono sulla loro pelle, purtroppo è capitato anche a me.
Non è stato semplice procedere nella lettura ad un certo punto. Sentivo quel nodo in gola stringersi sempre di più, ed è stato come essere catapultata indietro di circa 20 anni ad una fredda mattina di inizio primavera, quando a piangere incredula al telefono ero io.

Purtroppo a volte la vita è terribilmente crudele e strappa da questo mondo persone con ancora tutto da vivere e gioire.

Non è facile affrontare quei momenti, e non è stato semplice per i protagonisti di questo libro, che hanno dovuto fare i conti troppo presto con qualcosa di così crudele e inimmaginabile.


Ho amato il libro, Green ormai si è conquistato un posto speciale nel mio cuore. 
Una storia dolce e amara al tempo stesso, che ti lascia triste e sconsolata, ma anche fiduciosa del fatto che dagli errori si può sempre imparare, crescere, maturare... ma soprattutto si può perdonare se stessi e andare avanti. 


Qualcuno di voi lo ha letto? Che ne pensate? 
A presto 

Monica 

7 commenti:

  1. Ho questo libro in WL e non vedo l'ora di leggerlo! Già so che piangero' quindi preparo i fazzoletti!
    Ps. Ti capisco...anche io ho scoperto troppo presto il dolore della perdita di una persona amata...un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono cose che lasciano il segno e da un giorno all'altro ti rendi conto che il tempo degli scherzi è finito, e anche se andrai avanti nulla sarà più come prima. Spero che il libro possa piacere anche a te!

      Elimina
  2. Io l'ho letto quest'estate, purtroppo non mi è piaciuto :( Non so, non è riuscito a lasciarmi nulla, ed è un gran peccato, dato che nutrivo delle aspettative piuttosto alte per quello che, a detta dei più, è il miglior romanzo di Green!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che peccato. Ieri ne parlavo proprio con altre ragazze che la pensano come te.. penso che la mia passione per Green sia dovuta al fatto che spesso parla di cose che ho vissuto in prima persona e quindi mi sento molto coinvolta. Ovviamente non può piacere a tutti, se no saremmo tutti uguali e sarebbe una noia mortale ;)

      Elimina
  3. Questo libro mi incuriosisce tanto e ce l'ho in libreria, così da dare 'una seconda possibilità' a Green ;)
    Incorciamo le dita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha chissà se questa è la volta buona? ;)

      Elimina
  4. ho questo libro nella mia libreria ma temo davvero green... riesce sempre a sconvolgermi e a farmi annegare in un mare di lacrime XD
    devo decidermi ad iniziarlo!

    RispondiElimina