venerdì 21 febbraio 2014

Libro della settimana "Un posto chiamato Qui" di Cecelia Ahern


Buongiorno carissimi! 
Prima di scappare in banca e a fare i miei soliti giri, volevo lasciarvi la mia recensione del libro che ho appena terminato. 
In teoria ho altre recensioni in arretrato, ma questa ci tenevo a postarla subito, perchè i libro mi è piaciuto davvero molto. 


Ve ne avevo già parlato qualche giorno fa nella prima puntata di "In lettura". Tempo pochi giorni e il libro è finito, e posso ritenermi abbastanza soddisfatta da questa lettura. 

Da quando una sua compagna di classe, anni prima, è scomparsa nel nulla, la protagonista è ossessionata dall'idea di perdere cose e persone: per questo è perennemente in fuga dai legami, siano l'affetto di genitori o l'amore del suo analista. Forse per questo ha deciso di dedicare la propria vita a cercare persone scomparse, offrendo ai familiari disperati un barlume di speranza. Poco prima di incontrare un uomo che da un anno non ha più notizie del fratello, scompare però anche lei: mentre fa jogging imbocca un sentiero poco tracciato in un bosco sconosciuto, e si ritrova in un luogo magico e reale al tempo stesso. Un posto chiamato Qui, dove finiscono tutte le cose e le persone che si sono smarrite, tutte le sensazioni, le voci, i suoni e gli odori che sono stati dimenticati. Un mondo parallelo dove Sandy ritrova i propri oggetti perduti e le persone che ha cercato per tutta la vita, dimenticando di cercare se stessa. E ora, lontana dai propri cari e dalla casa da cui per tanti anni è fuggita, Sandy vuole disperatamente una sola cosa: escogitare il modo per tornare indietro. Per la prima volta in vita sua è lei che vuole essere trovata.


Vi è mai capitato di cercare qualcosa disperatamente? Tipo come quando fate la lavatrice e siete sicuri che di aver messo all'interno due calzini neri, ma quando andate a stendere i panni ve ne ritrovate uno solo? 
Dove è finito quel calzino? Perchè, per quanto rivoltiate la casa sotto sopra, non riuscite e trovarlo?


Questo è uno dei grandi interrogativi che accompagnano la vita di Sandy Shortt, ex poliziotta, investigatrice privata, una persona che ha fatto della ricerca delle persone (e della cose) scomparse, la sua ragione di vita. 
Non è una vita semplice quella di Sandy, perchè più di qualunque altra cosa, Sandy ha paura di perdere le persone che ama, e quindi le allontana prima che sia troppo tardi. 

Ma a forza di cercare, di sondare il terreno, di scavare, Sandy non rischia forse di perdere le cose migliori della vita come l'amore dei genitori, l'amicizia, o l'affetto di un uomo? 

Leggere questo libro è stata un'esperienza strana. Più andavo avanti con la lettura, più mi dicevo che dovevano esserci risposte razionali ai miei quesiti. 
Perchè Sandy era finita nel posto chiamato "QUI", cosa stava cercando in realtà? Le persone scomparse o se stessa? 

Cecelia Ahern ha intessuto questa trama con grande maestria. Un romanzo coinvolgente, tra salti nel passato e nel presente, che vi trascinerà  in un mondo in cui dovrete credere per riuscire ad apprezzare pienamente il libro. 

Se sono le risposte razionali che state cercando, lasciate perdere. Questo libro non fa per voi. 
Se invece amate credere in qualcosa che può rendervi più felici, allora leggetelo, sono sicura che non vi deluderà. 

Sandy, come una moderna Dorothy nel mondo di Oz, percorrerà la sua strada di mattoni dorati, alla ricerca di quello che le è stato portato via tanti anni prima. 
Un viaggio alla riscoperta di se stessi e di quanto possiamo fare per gli altri. 

Assolutamente consigliato a chi crede che tutto può accadere, anche le cose più impensate.. forse anche voi leggendolo, riuscirete a ritrovare quel calzino spaiato che state cercando da tanto. 
Per quel che mi riguarda, leggendolo, mi sono sentita come se una volta tanto avessi fatto pace con la vita, e il profondo senso di serenità che mi ha lasciato, credo mi accompagnerà per molto tempo. 

"Nessun posto è come casa" 

A presto
Monica 






15 commenti:

  1. Uuuh *O* sembra bellissimo! prima di prenderlo leggo ps i love you e vediamo se vado d'accordo con la Ahern! Se sì mi butterò anche su questo libro **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calcola però che "P.S. I love You" è il suo primo libro, scritto da giovanissima e quindi era ancora piuttosto acerba.. qui siamo decisamente ad un livello superiore! In ogni caso io ho adorato anche quello ^^

      Elimina
  2. Sembra un bel libro! Dopo "Se tu mi vedessi ora" non ho più letto nulla di questa autrice...ho Ps.I love you in ebook ma non mi decido, ho paura di rimanerne delusa.
    Questo potrebbe essere un buon libro per continuare la conoscenza della Ahern!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che ti piaccia, ribadisco è un libro molto particolare e alcune cose non vengono proprio spiegate.. va interpretato, secondo come ognuno di noi vede la vita e quello che può accadere :)

      Elimina
  3. Mi hai davvero incuriosita con questa recensione... prima o poi dovrò proprio leggerlo!! :D Spero prima che poi!!xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno di quei libri da cui bisogna lasciarsi trascinare ^^

      Elimina
  4. condivido, molto bello, fa riflettere su tante cose e mi ha emozionato molto, per il soggetto delle persone scomparse e la delicatezza con cui viene affrontato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho finito con un nodo in gola ç_ç

      Elimina
  5. Aww direi che ti è piaciuto alla fine *^* ottimo! Sai che non avevo mai letto la trama? o_o
    L'ho fatto ora visto il tuo entusiasmo... e sono rimasta tipo *^* e poi la tua review mi ha dato il colpo di grazia :D troppo bella l'idea alla base, voglio assolutamente leggerlo *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahhahha sì alla fine è andata bene! Non ho avuto tutte le risposte che cercavo, ma credo vada bene così.. è un libro che fa pensare e riflettere :)

      Elimina
  6. Come ti avevo detto, devo ancora leggerlo e sono troppo curiosa ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggerò la tua recensione quando arriverà :) spero che piaccia anche a te!

      Elimina
  7. Io ho amato questo libro! Con la tua recensione sono tornata per un attimo in quel bellissimo posto chiamato Qui :3 Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *_* grazie a te per questo bel commento.. sono cose come questa che mi fanno venir voglia, ogni giorno di più, di portare avanti il blog :)

      Elimina
  8. Non ho mai letto nulla di suo, devo rimediare!

    RispondiElimina