lunedì 10 ottobre 2011

Giveaway "Le Emozioni difettose" - Y Giunti

Buonasera a tutti!

Chi di voi ha voglia di portarsi a casa una copia del libro “Le emozioni difettose” di Laurie Halse Anderson edito dalla Y Giunti??

Vi dico da subito che ho finito di leggere il libro ieri sera ed è meraviglioso! Ironico e pungente, triste ma pieno di speranza.. Kate Malone, la protagonista, mi è entrata dritta nel cuore e penso che non se ne andrà per un bel pezzo.

Come sappiamo dalla trama, Kate è una diciottenne all’apparenza normale, va bene a scuola e nonostante abbia perso la madre in tenera età si è sempre data da fare per gestire la sua vita e quella dei suoi famigliari (il padre e il fratello). In realtà all’interno di Kate convivono due persone, Kate buona e Kate cattiva, in eterno conflitto tra di loro..  per cercare di sedare il conflitto interiore che la sta dilaniando  Kate corre.. corre per non pensare alla madre morta, corre per non pensare all’università del MIT che le deve confermare l’ammissione al college, corre per sopravvivere .. ma prima o poi dovrà fermarsi e fare i conti con se stessa e con il mondo che la circonda!

Per partecipare a questo GA le regole sono poche e semplici:

1)      Essere followers di questo blog iscritti tra gli utenti fissi (Se non vedo il vostro nome nella colonnina alla mia sinistra NON POTETE PARTECIPARE)

2)      Raccontarci com’è o come è stata la vostra ADOLESCENZA.. siete o eravate timidi, andate o andavate bene a scuola.. tutto quello che volete… non dovete fare un tema.. solo poche righe per sapere qualcosa di più su di voi

3)      Se condividerete il BANNER nei vostri BLOG (solo nei blog.. al momento non riesco a seguire tutte le condivisioni su FB o su Twitter… mi manca il tempo) avrete un punto in più al momento dell’estrazione!! (lasciate il link nel vs. post in modo che io possa controllare)

Per quel che mi riguarda la MIA ADOLESCENZA è stata un delirio.. timidissima.. con poche ma fidate amiche, per nulla amante degli sport ma innamorata dei libri.. a volte mia madre doveva nascondermeli per costringermi ad uscire! Il periodo del Liceo non è stato facile.. c’erano tante ragazze che si davano un sacco di arie e a volte mi sentivo diversa da loro.. per fortuna avevo conosciuto persone che condividevano i miei stessi interessi e avere loro vicino mi bastava. Adesso guardandomi indietro penso che sono stata fortunata.. magari non ero una delle ragazze più popolari, ma sono venuta su con buoni principi e tanta forza interiore che mi aiuta ogni giorno ad affrontare la vita!!! TOCCA A VOI.. RACCONTATE RACCONTATE!

Come sempre il nome del vincitore sarà estratto a RANDOM!

Il GA scade il giorno 17 OTTOBRE!!!!

Come sempre in bocca al lupo a tutti!!!!
Monica 

25 commenti:

  1. Per prima cosa grazie per averci dato la possibilità di partecipare a questo giveaway, in seconda cosa la mia adolescenza? Ah, quanto ne sento la nostalgia ora che sono decisamente cresciuta! Non ero la classica ragazzina popolare, anzi.. tendevo a starmene in disparte, pochi amici ma buoni come si dice. Ero vergognosa, timida e semplice, diciamo anche un pò anonima. Ma ho comunque un gran bel ricordo di quel periodo, le prime emozioni d'amore, i primi tradimenti in amicizia. Sofferenze e forti gioie. Se potessi, ritornerei indietro anche ora.

    RispondiElimina
  2. Proviamo anche questo...
    la mia adolescenza non è stata tanto diversa da quella che è la mia vita attuale...pochissimi amici, + in casa che in giro, vacanze zero, tanta tv e libri...a scuola me la sono sempre cavata bene e probabilmente il fatto di essere sempre tra le prime della classe, unito ad una grande timidezza, non ha contribuito a creare legami particolari...

    RispondiElimina
  3. Allora...sono una sorella rompi...scatole, una figlia un po' ribelle, ma al contempo sono affidabile e responsabile. Non combino guai, voglio solo avere "il mio spazio" e questo da quando avevo circa 10 anni, ovviamente continuo tutt'oggi anche se ormai ne ho 22. Vivendo ancora a casa, sono sempre la stessa! ;p
    A scuola sono sempre andata bene, non studio in modo costante, e infatti all'università ne sto pagando le conseguenze...ma me la sono sempre cavata egregiamente. Sono sempre stata testarda, impulsiva, molto schietta. E ancora...una sognatrice cronica, e quindi spesso insoddisfatta di ciò che facevo. Ah, non sapevo, e ancora non ho imparato a cucinare!! ;p

    RispondiElimina
  4. Adolescente timidissima, passavo da eccessi di silenzio a una loquacità allucinante, ma nella quale fondamentalmente non dicevo nulla.
    Pochi amici, che fondametalemnte sono gli stessi che ho ora, e molti conoscenti, spesso anche "degni", ma con i quali non ho mai fatto molto per approfondire o mantenere il rapporto nel tempo, avevo sempre paura di disturbare.
    Mi piaceva studiare, ma ero assolutamente incostante nell'impegno, riducendomi sempre all'ultimo e tirando fuori un 6,5/7 sempre un po' stiracchiato, causando ovviamente la rabbia dei miei "se con così poco lavoro hai questi risultati pensa a cosa potresti fare con un po' di impegno in più".
    Ho sempre amato leggere fin da quando ero piccola e nell'adolescenza la cosa ha assunto proprozioni epiche e ha fatto incurvare parecchie mensole(e continua a farlo) tanto da costringere papà a doverle rigirare sottosopra almeno un paio di volte l'anno XD

    Vado a mettere il banner nel blog: phoede.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Ciao Monica volevo chiederti una cosa ma non riesco a trovare la tua email...potresti dirmela? grazie :)

    RispondiElimina
  6. Io ero un adolescente normale nè timida nè troppo estroversa. Non ero tipa da discoteca o stramberie, ma mi piaceva divertirmi anche solo stando con le amiche. A scuola tutto normale, nella media XD

    RispondiElimina
  7. ok grazie :) ti ho mandato un email :)

    RispondiElimina
  8. Ho diciassette anni, l'adolescenza e i tormenti di cui è portatrice continuano a tormentare le mie giornate! Qualcuno prima di me ha detto che essere adolescenti è come stare perennemente sulle montagne russe: un giorno ti sembra di toccare il cielo con un dito, l'altro sei da solo, preda dell'angoscia più nera. Io per adesso vivo per la scuola. Mi concedo solo qualche fugace uscita il sabato sera , ma sono principalmenti i libri scolastici i principali compagni delle mie giornate...che brutta cosa !
    La mia mail:delvecchiomichele_@libero.it
    Ho condiviso qui:https://www.facebook.com/pages/-%D0%BCu%CF%83ic-%E2%84%93y%D1%8Fics-/124210884266455

    RispondiElimina
  9. La mia adolescenza? Bel tema :)
    Sono stata la classica ragazzina che leggeva ovunque, anche alle feste e in mancanza di un libro ascoltavo musica :P
    Per fortuna ho trovato amici esattamente come me :)

    RispondiElimina
  10. Perdonata la brutalità, ma chi dice che l'adolescenza è il periodo più roseo nella vita di una persona è un emerito idiota! Essere adolescenti è una lotta continua. Contro gli ormoni, i genitori, i professori. Sei solo contro il monto esterno. Questa è la verità!!
    Mi piacerebbe poter leggere un libro schietto e diretto: spero di poter trovare ciò che cerco nelle emozioni difettose! :)
    La mia mail:corraromaria@libero.it
    Ho condiviso qui:https://www.facebook.com/pages/-%D0%BCu%CF%83ic-%E2%84%93y%D1%8Fics-/124210884266455

    RispondiElimina
  11. La mia adolescenza non è stata così brutta.
    Ero e sono socievole, non avevo problemi con le compagne di scuola, forse dovuto al fatto che fortunatamente sia alle scuole medie e superiori (tolti il primo e secondo anno, dove qualche ripetente non mi era particolarmente simpatica) ho incontrato persone educate, una verà rarità, lo dicevano gli stessi prof. Negli studi andavo bene ma come mi ripetevano, potevo impegnarmi di più.
    Al di fuori della scuola non avevo molte amicizie ma sinceramente andava bene così.
    Naturalmente periodi no, ne ho avuti, in particolare proprio le amicizie.
    micia@email.it
    banner esposto
    ciao, grazie

    RispondiElimina
  12. Apprezzo molto questa autrice, dopo "Wintergirls" non vedo l'ora di leggere il suo nuovo lavoro!
    La mia adolescenza non è stata terribile ma nemmeno perfetta: un po' troppo timida e impacciata, non ero la star della compagnia ma non me la sono cavata male :) Nel complesso non ho mai avuto problemi a scuola e non ho mai dato troppi grattacapi ai miei: forse un po' troppo tranquilla! Da sempre basta darmi un libro per tenermi a bada XD

    RispondiElimina
  13. Uhm vediamo ...la mia adolescenza è stata, burrascosa. Molto. E lo è tutt'ora. Da bambina tranquilla e pacata qual'ero, mi sono trasformata in una ragazzetta ribelle, col broncio perenne e gli occhi tinti di nero. C'est la vie!

    Ma veniamo al libro adesso, che è meglio xD
    Ho letto qualcosa in giro e mi è sembrata davvero una bella storia. Niente di banale.
    Credo sia un libro che valga davvero la pena di leggere.
    Si, mi incuriosisce. Proviamo!

    Ho condiviso su facebook: http://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=134112780022033&id=100003008142351

    E la mia e-mail è questa qui: black_rainbow3@live.it
    Bye bye ^---^

    RispondiElimina
  14. All'inizio, la mia adolescenza non è stata del tutto "semplice". Ero una ragazzina molto timida e facevo un po' fatica a relazionarmi con gli altri. Spesso mi rifugiavo nel mio mondo - soprattutto ascoltando musica; abitudine che ho tutt'ora. Successivamente tutto mi è sembrato più semplice e già dal liceo ho fatto molte amicizie.

    Ho condiviso su: http://mysecretgarden.blogspot.com/

    RispondiElimina
  15. Ciao! Ho letto la tua presentazione e un pò mi rispecchio in te. Ero timida (non che adesso lo sia poi tanto di meno, però...)e con difficoltà ad aprirmi verso gli altri. Il problema maggiore l'avevo con i ragazzi. Pensa che per colpa della mia timidezza mi son vista soffiare il ragazzo dei miei sogni dalla mia migliore amica... Ben mi è stato: da allora ho imparato ad essere un pò più espansiva.
    Alle scuole superiori avevo anche io amici "fidati", la mia cerchia che condivideva gli stessi miei interessi. E finché c'erano loro mi son sempre sentita a mio agio...
    A scuola me la son sempre cavata bene; sono sempre stata fin troppo precisa e rigorosa nei compiti. Ripensandoci ora sarebbe stato meglio passare qualche ora in meno sui libri di scuola e godermi un pò più la vita...

    Questo libro mi incuriosisce per la descrizione della protagonista. Sono curiosa di vedere come verrà tratteggiato il suo carattere.
    Ho condiviso sul mio Blog - il banner è a sinistra - http://sognipensieriparole.blogspot.com/

    Grazie e complimenti per l'idea! ;)

    RispondiElimina
  16. Ciao zia, posso iniziare col dire che questa autrice mi piace tantissimo, dopo aver letto Speak, non ho dubbi che mi piacerà anche questo libro, questo suo modo di scrivere che arriva così direttamente al punto mi affascina.

    Ma veniamo alla mia adolescenza.
    Posso dire tranquillamente che è divisa in due parti.
    La prima in cui ero una tranquilla e normale adolescente, non amavo la scuola, ma andavo abbastanza bene, ero amata e capita da chi viveva con me.
    Poi la seconda parte è un completo caos.
    Iniziai a fumare, fughe da casa, non venivo più ascoltata e tanto meno capita e ovviamente anche la scuola ne risentì di tutto questo.
    La mia adolescenza è stata poi interrotta dalla gravidanza, dunque posso dire che non ho mai completato questa fase giovanile.

    Ovviamente banner condiviso sul blog: http://gufosolitario.blogspot.com/

    RispondiElimina
  17. Ciao Monica!
    Piacere di "conoscerti". Mi hanno detto di passare sul tuo Blog perchè ne vale la pena, ed eccomi qui!
    La mia adolescenza... Ricordo momenti felici e spensierati e altri più tristi, segnati da quelli che vengono definiti "problemi adolescenziali" (magari fosse ancora così ora!). Cotte, gelosie, amicizie fidate e per convenienza. Il primo ragazzo... Le bugie ai genitori per andare in discoteca con la minigonna infilata nella tracolla =))
    La paura di tornare a casa avendo preso un brutto voto... I castighi conseguenti.
    Non pensar male. Non sono mai stata turbolenta, solo mi stavano un pò stretti i divieti ;)
    Ah, ah! Non mi lamento dai. Crescendo i problemi sono ben altri...
    Non leggo molti young adult, ma questo mi incuriosisce perchè mi farebbe fare un bel salto nel passato.
    Chissà. Il banner è condiviso sul Blog su cui collaboro con Stefania. L'ha segnalato lei più sopra.
    Grazie!
    Ciao!

    RispondiElimina
  18. Periodo "grigio" la mia adolescenza. I miei genitori erano già grandicelli e decisamente apprensivi..potevo uscire poco e a dire la verità non mi pesava granché. Ero timida, TROPPO timida! Poche amicizie ma buone, tanto da essere ancora importanti dopo più di vent'anni. Mi piaceva disegnare e dipingere, il cinema e la musica.
    E' un periodo che ricordo con poca emozione..crescendo è andata molto meglio!

    RispondiElimina
  19. Ciao ^_^
    La mia adolescenza non è stata una di quelle da ricordare...
    Non facevo molto, ho iniziato ad uscire con le amiche a 18 anni perchè prima non mi sentivo matura abbastanza (capiterà ancora a qualcuna delle adolescenti di oggi?) per cui passavo i week-end a leggere e studiare.
    Sì perchè il mio più grande orgoglio era la mia media sempre ottima. A posteriori probabilmente farei tutto diverso, cercherei di essere più tranquilla, di godermi di più la mia età. Ma se avessi agito diversamente forse ora non avrei accanto le persone che ho. Quindi alla fine è andata bene così ^_^

    RispondiElimina
  20. La mia adolescenza... è stata bella anche se non sempre facile. Timida lo sono sempre stata e lo sono tutt'ora. Amici veri sono sempre stati pochi e scelti in modo accurato, sebbene le delusioni non siano mancate. Ma mi divertivo parecchio, ero spensierata, andavo benissimo a scuola e i miei genitori mi lasciavano molta libertà. Se potessi tornare indietro forse mi farei ancora meno seghe mentali, ma credo che sia un problema per cui siamo passati tutti.

    Il banner è sul mio blog: cronachedallagalassia.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Molto carina l'idea di raccontarci :)
    Per quanto mi riguarda, il periodo delle medie è stato fantastico ! A scuola andavo benissimo, ero integrata a perfezione nella classe ed ero circondata da molti amici ed amori :) Se non che, appena iniziato il liceo, la voglia di studiare è calata, creando anche litigi a casa e la mia classe non era un granchè .. ma ciò che non ci distrugge, ci fortifica :)

    ecco il mio link dove ho condiviso il banner (alla fine della pagina) : http://binaswonderland.blogspot.com/

    RispondiElimina
  22. Partecipo, partecipo!! ovviamente in ritardo, visto che è l'ultimo giorno, ma fa lo stesso...
    Allora, sono in piena adolescenza, quindi parlarne è abbastanza semplice: sono molto timida e per socializzare ci metto davvero tanto (e per entrare in confidenza ancora di più) e per questo in classe i primi tempi sia adesso al liceo sia prima alle medie sono sempre stati difficili (anche se non quanto la seconda media, quando nessuno mi parlava), ma mentre adesso con le mie compagne mi trovo abbastanza bene (parliamo, scherziamo e ci aiutiamo il più possibile), alle medie non sono mai riuscita ad integrarmi, tanto che ho scelto di cambiare completamente ambiente al liceo, anche per la mia salute perchè a causa del nervosismo e dei continui litigi mi è venuta la gastrite...
    Comunque, beh, mi sto certamente formando il carattere!!


    Elena Feltri

    p.s. grazie per il giveaway!

    RispondiElimina
  23. Seguo questo libro un po ovunque.. mi ha colpito molto la copertina in primis, è successivamente la trama.. una ragazza che scappa dalle vicende di vita quotidiana, per paura per rabbia.. incrocio le dita :) Grazie x l'opportunità..
    Sharon_93@live.it

    RispondiElimina
  24. Sharon mi dispiace ma il GA si è concluso all'inizio della settimana e il libro è già stato assegnato! Al momento abbiamo il GA di "Scomparsa" se ti interessa! Lo trovi in prima pagina!

    RispondiElimina